di Aida Andrisani


Che cosa si intende per disturbi della voce?

Quando si parla di disturbi della voce o disfonie si fa riferimento a un’alterazione qualitativa e/o quantitativa della voce, conseguente a una modificazione strutturale o funzionale di uno o più organi coinvolti nella sua produzione.
Le persone che manifestano questo tipo di sintomatologia tendono a modificare il tono, il timbro e l’intensità della propria voce.
Inoltre, quando l’affaticamento e il fastidio (es. bruciori, sensazione della presenza di corpi estranei nella gola) connessi con l’atto fonatorio sono eccessivi potrebbe manifestarsi l’afonia cioè la perdita totale della voce (Bergamini, Casolino, & Schindler, 2002).

Generalmente, si tende a distinguere tra:

  • disfonie organiche dovute a modificazioni strutturali, morfologiche o muscolari a carico degli organi coinvolti nella produzione e controllo della voce (es. noduli e polipi delle corde vocali);
  • disfonie funzionali dovute a una disfunzione vocale, cioè causate da un eccesso o un uso scorretto della funzione fonatoria in assenza di alterazioni strutturali.

Delle volte si verificano delle condizioni che favoriscono la tendenza a compiere degli “sforzi vocali” eccessivi e prolungati nel tempo.
I fattori che concorrono a creare tali condizioni attivanti sono:

  • Infiammazioni a carico delle vie respiratorie e stati di affaticamento generale (es. tosse, influenza)
  • Fattori ambientali (es. esposizione prolungata a rumori di fondo intensi, esposizione a sostanze irritanti delle vie aeree, permanenza in ambienti chiusi dal microclima caldo e asciutto)
  • Tecnica respiratoria inadeguata al ritmo vocale
  • Stili di vita (es. fumo, alcool, abitudini alimentari)
  • Postura scorretta
  • Disfunzioni ormonali
  • Malattia da reflusso gastroesofageo
  • Allergie

In queste situazioni, per migliorare momentaneamente la qualità della voce, si tende ad affaticare eccessivamente l’apparato fonatorio, fino a diminuirne il rendimento e l’efficienza.
Questo comporterebbe l’instaurarsi di un circolo vizioso, all’interno del quale si genererebbe dapprima una disfonia a origine funzionale che nel tempo potrebbe causare danni organici. 

Secondo i dati epidemiologici disponibili circa il 30% della popolazione incorrerebbe, almeno una volta nella vita, nella possibilità di sperimentare sintomatologia disfonica.
Maggiore prevalenza dei casi si registra nelle donne (60:40) e in alcune categorie professionali: televenditori, cantanti, insegnanti e istruttori di aerobica.

È possibile porre diagnosi di disfonia, attraverso un’attenta anamnesi ed esame fisico, in un paziente con alterazioni della qualità, altezza e intensità della voce oppure in presenza di un sforzo vocale che compromette la comunicazione o riduce la qualità di vita relativa alla voce (Schindler, Ginocchio, & Schindler, 2009).

Aspetti psicologici della disfonia

In diversi studi scientifici è stato osservato come nelle persone che sviluppano un disturbo funzionale della voce ci sarebbe una significativa predisposizione a sperimentare sintomatologia di tipo ansioso o depressivo, alti livelli di stress, disturbo dell’adattamento (si presenta in persone che in seguito ad un particolare evento molto stressante sperimentano angoscia  intensa, da non riuscire ad “adattarsi”) e una percezione generale di una scarsa qualità del proprio stato di salute (Willinger et al.; 2005a; 2005b).

Oltre a ciò, sembrerebbero frequenti alcuni tratti di personalità, come la tendenza al perfezionismo e l’associazione di questo a un maggior rischio di sentirsi particolarmente affaticati di fronte a eventi avversi della vita (Dittner et al., 2011; O’Hara et al., 2011).

Inoltre, è noto come le persone con disfonia subiscano le conseguenze del proprio disturbo su più fronti della vita quotidiana. Le relazioni personali, sociali e lavorative, la qualità delle interazioni e la possibilità di comunicare possono essere parzialmente o totalmente compromesse, andando incontro a un peggioramento generale della qualità della vita (Baker, 2008).

In sintesi, è stato possibile rintracciare nelle persone con disfonia funzionale l’incidenza di diversi fattori psicologici implicati nella genesi e mantenimento del disturbo (Deary & Miller, 2011).

Da un punto di vista clinico, quindi, si rende necessario che gli operatori (es. medico otorinolaringoiatra, logopedista) implicati nella diagnosi e trattamento della disfonia sappiano identificare quegli individui i cui problemi vocali hanno una base emotiva.

Il trattamento cognitivo cognitivo-comportamentale della disfonia

La terapia cognitivo-comportamentale (TCC) è considerata il trattamento con la più ampia base di evidenze di efficacia per la cura e gestione dei disturbi psicologici clinici (es. depressione, ansia) e di personalità.

La presenza di un’ampia sintomatologia psicologica correlata alla disfonia ha spinto alcuni autori a verificare l’efficacia della TCC nel trattamento dei disturbi della voce.

È stato osservato come sia possibile introdurre specifici aspetti e tecniche facenti parte della TCC all’interno delle sedute di logopedia, attraverso una formazione specifica dei logopedisti stessi, e trarne risultati più soddisfacenti che in sedute di terapia della voce semplici (Daniilidou, Carding, Wilson, Drinnan, & Deary, 2007).

Coloro che erano sottoposti a un trattamento da parte di operatori appositamente formati all’utilizzo di tecniche TCC riscontravano un significativo miglioramento sia della sintomatologia a carico dell’apparato fonatorio, sia degli indici di stress psicologico e percezione di qualità della vita.  

Secondo l’approccio cognitivo-comportamentale, gli aspetti specifici (Miller, Deary, & Patterson, 2014) che aiuterebbero i logopedisti a implementare questo tipo di sedute sono:

  • La costruzione di una forte alleanza terapeutica, attraverso una comunicazione empatica, calda e non giudicante. All’interno di questa relazione, infatti, il paziente può sentirsi libero di esprimersi, predisponendo le basi per comprendere meglio la natura delle proprie difficoltà e impegnarsi attivamente nel trattamento.
  • Il coinvolgimento attivo del paziente nelle decisioni riguardanti lo svolgimento della terapia, nella costruzione del proprio programma terapeutico, nella determinazione degli obiettivi e nella previsione di indicazioni utili che successivamente, alla fine della terapia, preverranno eventuali ricadute.
  • L’individuazione e la ristrutturazione di pensieri disfunzionali riguardo il sé, la malattia e le proprie possibilità di guarigione.

La presa in carico di pazienti con questo tipo di disturbi, quindi, prevedrebbe che l’obiettivo terapeutico e il focus del trattamento non si concentri esclusivamente sulla modifica del comportamento vocale e il rispetto delle regole di “igiene vocale” (Baker, 2008), ma anche sulla gestione delle variabili emotive coinvolte nel disturbo.

Contatti

Teleriabilitazione

Presso Istituto Santa Chiara è attivo il servizio di teleriabilitazione dedicato sia ai pazienti in età evolutiva che a quelli adulti.
I pazienti potranno avere a disposizione i professionisti, comodamente e ovunque, senza incidere sulla qualità della terapia, che verrà rimodulata e proposta online, caso per caso.

Gli specialisti di Istituto Santa Chiara sono a tua disposizione a distanza in tutta Italia o a domicilio su Roma

Videoconsulto
Disponibile
Visita a domicilio
Disponibile

Contatta gli specialisti del centro di Roma

Videoconsulto
Disponibile

Contatta gli specialisti del centro di Lecce

 

Bibliografia

Baker, J. (2008). The role of psychogenic and psychosocial factors in the development. International Journal of Speech-Language Pathology, 210-230.

Bergamini, G., Casolino, D., & Schindler, O. (2002). Inquadramento delle disfonie. Le disfonie: fisiopatologia, clinica ed aspetti medico-legali (pp. 97-116). San Benedetto del Tronto: Pacini Ed.

Daniilidou, P., Carding, P., Wilson, J., Drinnan, M., & Deary, V. (2007). Cognitive behavioral therapy for functional dysphonia: a pilot study. Ann Otol Rhinol Laryngol, 717-722.

Deary, V., & Miller, T. (2011). Reconsidering the role of psychosocial factors in functional dysphonia. Curr Opin Otolaryngol Head Neck Surg, 150-154.

Dittner, A., Rimes, K., & Thorpe, S. (2011). Negative perfectionism increases the risk of fatigue following a period of stress. Psychology & Health, 263-268.

Frazier, P., Merians, A., & Misono, S. (2017). Perceived control and voice handicap in patients with voice disorders. Health Psychology, 1105-1108.

Miller, T., Deary, T., & Patterson, J. (2014). Improving access to psychological therapies in voice disorders: a cognitive behavioural therapy model. Current Opinion in Otolaryngology Head and Neck Surgery, 201-205.

O’Hara, J., Miller, T., Carding, P., Wilson, J., & Deary, V. (2011). Relationship between fatigue, perfectionism, and functional dysphonia. Otolaryngol Head Neck Surg, 921-926.

Schindler, A., Ginocchio, D., & Schindler, O. (2009). Linee guida per la pratica clinica. La raucedine (disfonia). Traduzione italiana. Otolaryngology–Head and Neck Surgery .

Willinger, U., & Aschauer, H. (2005b). Personality, anxiety and functional dysphonia. Personality and Individual Differences, 1441-1449.

Willinger, U., Vo¨ lkl-Kernstock, S., & Aschauer, H. (2005a). Marked depression and anxiety in patients with functional dysphonia. Psychiatry Research, 85-91.