di Claudia Falcone


Mutismo selettivo cos’è

Il mutismo selettivo (MS) è un disturbo d’ansia che si manifesta in età evolutiva ed è caratterizzato dall’assenza di comunicazione verbale in alcune situazioni sociali.
Il termine “selettivo” indica che il bambino riesce a comunicare solo con alcune persone, solitamente i familiari, e ha difficoltà a esprimersi in certi contesti, ad esempio quello scolastico (APA, 2014).
L’incapacità dei bam­bini di comunicare è il diretto risultato dell’ansia sociale e non è dovuto a deficit sensoriali o neurologici, come i disturbi afasici.
Attraverso questo comportamento il bambino evita le sensazioni spiacevoli provocate dalla pressio­ne sociale o dall’aspettativa di parlare in alcuni contesti (Shipon-Blum, 2010).

Il Mutismo Selettivo è un disturbo raro con un tasso d’incidenza tra lo 0,03% e 1%.
La comparsa dei primi sintomi (marcata timidezza, paura delle persone, ecc.) avviene tra i 2 e 3 anni, ma l’esordio avviene solitamente prima dei 5 anni, con le prime esperienze sociali e scolastiche in cui viene chiesto al bambino di esprimersi verbalmente (APA, 2014).
Le caratteristiche peculiari del disturbo possono rendere la diagnosi ardua e spesso non immediata.
Infatti, il bambino può non giungere all’attenzione clinica fino all’inizio della scuola dove si ha un aumento dell’interazione sociale e dei compiti prestazionali (APA, 2014).

Diagnosi di mutismo selettivo

Grazie ai numerosi studi sul disturbo, l’inquadramento diagnostico ha vissuto negli anni un progressivo cambiamento riguardo il nome e la sua classificazione nel DSM (Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali):

  • Cambiamento del nome: da “mutismo elettivo” a “mutismo selettivo”, per superare l’ambiguità e l’erronea convinzione che il disturbo fosse di origine intenzionale, e cioè che il bambino non parlasse per sua volontà;
  • Cambiamento di classificazione: mentre nel DSM-IV, era inserito in “Altri disturbi dell’infanzia, della fanciullezza o dell’adolescenza”, nel DSM-5 viene classificato tra i “Disturbi d’ansia”, per identificare l’ansia come una delle caratteristiche principali all’interno di questo quadro clinico.

Attualmente la diagnosi di Mutismo Selettivo proposta dal DSM-5 prevede 5 criteri diagnostici (APA, 2014):

  • Costante incapacità di parlare in situazioni sociali specifiche in cui ci si aspetta che si parli (es. a scuola), nonostante sia in grado di farlo in altre situazioni
  • La condizione interferisce con i risultati scolastici o con la comunicazione sociale
  • La durata della condizione è di almeno un mese (non limitato al primo mese di scuola)
  • L’incapacità di parlare non è dovuta al fatto che non si conosce, o non si è a proprio agio con il tipo di linguaggio richiesto dalla situazione sociale
  • La condizione non è meglio spiegata da un disturbo della comunicazione e non si manifesta durante il decorso di disturbi dello spettro dell’autismo o altri disturbi.

I bambini con mutismo selettivo possono, inoltre, manifestare caratteristiche e comportamenti comuni come:

  • scarso o assente contatto oculare,
  • inespressività del viso,
  • immobilità o agitazione,
  • comportamenti aggressivi o oppositivi (Rezzonico et.al, 2018). 

Pertanto, nelle situazioni in cui la loro comunicazione verbale è assente, possono comunicare attraverso strategie non verbali:

  • usando gesti
  • annuendo
  • scuotendo il capo
  • spingendo
  • tirando l’interlocutore
  • scrivendo
    • in alcuni casi, poi, emettono suoni monosillabici, corti o monotoni.

Fattori di rischio

Molteplici sono i fattori che possono contribuire allo sviluppo del Mutismo Selettivo.
Muris e Ollendick (2015) propongono un modello psicopatologico e multi componenziale che integra più fattori di rischio:

  • Fattori genetici e fisiologici: è stato dimostrato che le famiglie di bambini con MS presentano problematiche psicopatologiche legate allo spettro dell’ansia. Questi dati oltre a evidenziare la componente ereditaria del disturbo, confermano l’adeguatezza dell’inserimento del MS tra i disturbi d’ansia e supportano la comorbilità del MS con il disturbo d’ansia sociale (Stein et al.,2011);
  • Fattori temperamentali: l’inibizione comportamentale (tendenza abituale a mostrare paura o evitamento di fronte a persone, situazioni, oggetti nuovi o non familiari) e i tratti di timidezza e isolamento (incapacità di rispondere in modo adeguato alle situazioni sociali) possono essere importanti fattori di rischio (Muris e Ollendick, 2015);
  • Fattori ambientali e familiari: lo stile genitoriale, in particolare l’inibizione sociale dei genitori e genitori iperprotettivi o più controllati possono anch’essi contribuire (Muris & Ollendick, 2015). 

Ruolo della famiglia e della scuola

La famiglia e la scuola sono i principali ambienti e contesti in cui il bambino vive e si relaziona con le altre persone, perciò la conoscenza del disturbo e il lavoro con i genitori e gli insegnanti è importante per sostenere i bambini.
Il grado di ansia del bambino, in una data situa­zione, determina la sua capacità a comunicare in quel preciso momento.
Più il bambino in­tuirà la pressione da parte degli altri, più non sarà rilassato e di conseguenza sarà difficile per lui comunicare (Shipon-Blum, 2010).

  • Spesso gli adulti “forzano” il bambino a parlare, incitandolo insistentemente:
    • sminuendo la situazione
      “Perché non parli?”;
      “Il gatto ti ha mangiato la lingua?”
    • usando “ricatti” e instaurando nel bambino un senso di colpa
      “Se parli ti compro quel gioco che vuoi tanto”;
      “Se non parli mamma diventa triste”.
  • Un altro atteggiamento disfunzionale da parte degli adulti è quello di intervenire e sostituirsi al bambini di fronte a richieste verbali.
    Questo atteggiamento contribuisce al mantenimento dell’evitamento, istaurando un circolo vizioso basato sul Rinforzo Negativo, in cui l’elemento rinforzante, che porta all’incremento del comportamento disfunzionale, è un comportamento negativo che fa evitare al bambino la situazione temuta (Rezzonico et.al, 2018).

A lungo andare questi comportamenti aggraveranno la situazione, perciò è importante rimuovere questi atteggiamenti per creare un ambiente confortevole e gratificante al fine di aumentare la tranquillità e serenità e ridurre l’ansia.

Trattamento specialistico

Secondo alcuni studi, l’approccio terapeutico più efficace è quello di tipo cognitivo comportamentale (Cohan et.al 2006, Kamani et. al, 2020; Oebeck et.al, 2018).
La psicoterapia cognitivo-comportamentale è un tipo d’intervento che tende a modificare l’attività di pensiero disfunzionale che sottostà all’insorgenza del disturbo. Gli obiettivi principali sono orientati alla riduzione dell’ansia sociale, della quale diventa importante individuarne gli indici comportamentali e cognitivi per giungere a un’effettiva modificazione degli stessi.

Si aiuta, inoltre, il bambino a progredire -attraverso tappe graduali- nella comunicazione, aumentando l’autostima e accrescendo la fiducia in situazioni di carattere sociale (Shipon-Blum, 2010).

Gli obiettivi dell’intervento possono essere così sintetizzati:

  • Ridurre la frequenza e l’intensità della risposta d’ansia;
  • Aumentare autostima e i sentimenti di sicurezza;
  • Fornire strategie per riconoscere e gestire le emozioni negative;
  • Diminuire i comportamenti di evitamento e incrementare la verbalizzazione.

Infine, essendo un disturbo che si manifesta in età evolutiva, come già accennato, il ruolo e il supporto degli adulti che ruotano intorno al bambino è di fondamentale importanza.
Attraverso le Psicoeducazione, i genitori acquisiscono un’adeguata conoscenza del disturbo e soprattutto apprendono strategie  e modalità adeguate e funzionali di gestione dello stesso.

Dove trattare il mutismo selettivo

Bibliografia

APA (2014) Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali quinta edizione DSM 5, Raffaello Cortina Editore.

Cohan SL, Chavira DA, Stein MB. Practitionerreview: Psychosocialinterventions for children with selectivemutism: a criticalevaluation of the literature from 1990-2005. J Child PsycholPsychiatry. 2006;47(11):1085‐1097

D’Ambrosio M, Coletti B. (2002). L’intervento cognitivo-comportamentale nel trattamento del mutismo selettivo. Articolo pubblicato sulla rivista “I care” n. 27:3, pag. 97-103

Elizur, Yoel&Perednik, Ruth. (2004). Prevalence and Description of SelectiveMutism in Immigrant and Native Families: A ControlledStudy. Journal of the American Academy of Child and AdolescentPsychiatry. 42. 1451-9.

IacchiaE., Acarani P. (2018). Momentaneamente silenziosi: Guida per operatori, insegnanti e genitori di bambini e ragazzi con mutismo selettivo. Ed. Franco Angeli

Kamani Z, Monga S. (2020). Understanding the Outcome of ChildrenwhoSelectively Do notSpeak: A RetrospectiveApproach. J Can Acad Child AdolescPsychiatry, 29(2):58‐65.

Muris P, OllendickTH.(2015)ChildrenWho are Anxious in Silence: A Review on SelectiveMutism, the New AnxietyDisorder in DSM-5. Clin Child FamPsychol Rev;18(2):151‐169.

Oerbeck, Beate et al.(20189 “Treatment of selectivemutism: a 5-year follow-up study.” Europeanchild&adolescentpsychiatry vol. 27,8:997-1009.

Rezzonico G., IacchiaE., Monticelli M. (2018). Mutismo selettivo. Sviuluppo, diagnosi e trattamento multisituazionale. Ed.Franco Angeli

Shipon-Blum E. (2010). Comprendere il Mutismo Selettivo, Ed. La meridiana.

Stein MB, Yang BZ, Chavira DA, et al. (2011). A common geneticvariant in the neurexinsuperfamilymember CNTNAP2 isassociated with increasedrisk for selectivemutism and social anxiety-related traits. BiolPsychiatry. ;69(9):825‐831.

Sitografia

Home